La spesa del supermercato fin sulla porta di casa. In un’ora (o almeno in giornata) e ordinando online sulla base della lista di prodotti disponibili nella zona coperta dal servizio. Questa l’idea di business di Supermercato24, startup veronese che mette in rete clienti e supermercati attraverso un network di fattorini.

Supermercato24 Pere

Chi compra e chi consegna

All’acquirente il servizio – che in alcune condizioni viene garantito in un’ora – costa da una base di 3 euro e mezzo a un prezzo variabile in base al peso e alla complessità dell’ordine. Ma esiste anche una sorta di abbonamento a più consegne. Altra fonte di entrata per Supermercato24 sono i supermercati stessi che versano un 1.5% del proprio guadagno alla startup. Il prezzo dei generi alimentari sul sito è ovviamente indicativo, registrato in base alle ultime indicazioni del supermercato: in caso di sconto il fattorino incaricato compra (e vende poi all’utente) a un prezzo più basso; in caso che il prezzo sia maggiorato invece chiede l’autorizzazione al cliente. Proprio i fattorini, 250 e tutti esternalizzati, pagati a consegna, sono il punto chiave del business model. [Segue…]

Raggio di consegna 5 km Supermercato24 è una società con base a Londra: vi lavorano 5 persone, non ha magazzino né punti di vendita. Si appoggia a corriere/padroncini che operano in un raggio di 5 km, facendo direttamente la spesa per conto del cliente e consegnandola al domicilio. Il cliente stesso, una volta registratosi al sito, sceglie l’insegna sulla base di una mappa che visualizza tutti i pdv presenti nell’isocrona dei 5 km.  Come funziona Il funzionamento si può riassumere in 6 step: 1) il cliente si collega al sito (supermercato24.it) con cellulare, tablet o computer; 2) riempie il carrello online; 3) inserisce l’indirizzo a cui consegnare; 4) l’ordine viene inviato a un padroncino/fattorino; 5) il fattorino va al supermercato e fa la spesa; 6) la spesa viene consegnata al domicilio dell’utente; [Segue…] Supermercato24 Evoluzione della spesa della famiglia Intendiamoci: la spesa effettuata via Internet e consegnata a domicilio, non è certo una novità. In passato hanno provato a proporla diverse catene di supermercati che però hanno sovente dovuto poi arrendersi per gli alti costi e la scarsa risposta del pubblico. Resiste Esselunga, prevalentemente in Lombardia. Supermercato24, fondato dal veronese Enrico Pandian si basa su un modello diverso.  

Invece di stringere accordi con uno o più supermercati, è semplicemente una piattaforma che mette in contatto chi vuole ricevere la merce con persone – i fattorini – che vanno a fare la spesa al posto loro. Il costo del servizio è di sei euro e novanta centesimi.

“A convincere la giuria – dice Pandian – credo sia stata la rapidità con la quale ci stiamo muovendo. Supermercato 24 è nata nel settembre scorso, entro febbraio puntiamo ad essere presenti in 58 città italiane, ed entro fine anno saremo in Francia, Germania e Regno Unito”.   Una scaletta a marce forzate tanto più necessaria in quanto il settore – un business da 24 miliardi di euro – fa gola anche ad altri, ed è il classico caso del “chi prima arriva, meglio alloggia”. Oltre agli americani di Instacart, a cui si ispira Supermercato24, ci sono i tedeschi di ShopWings.   Questi ultimi, in particolare, potrebbero essere un rivale scomodo: dietro di loro c’è l’incubatore berlinese di Rocket Internet, celebre per aver lanciato diversi cloni di successo di startup americane in Europa ed Asia; i soldi non gli mancano, ed hanno già annunciato piani di espansione in Italia. Dovrebbero però arrivare nella Penisola solo verso la fine dell’anno, e per quella data Pandian spera di aver già occupato in maniera capillare il territorio.  [Segue…] Supermercato24 Indici Coldiretti Numeri importanti, quelli della seconda edizione del contest organizzato da 360 Capital Partners, società di gestione specializzata in venture capital che investe tramite fondi su tutto il territorio europeo, in particolare in Italia e Francia nei settori del digitale, industrial & cleantech e dispositivi medicali. Negli anni ha raccolto oltre 300 milioni di euro da fonti nazionali ed estere. Le candidature ricevute sono state 355, come detto 18 sono le startup approdate in finale, 24 partner fra incubatori, acceleratori, reti di business angel. [Segue…] Supermercato24 Cosa influenza gli acquisti oggi In 300 tra disoccupati, studenti pensionati hanno già aderito, solo Roma ne conta 80. Il servizio garantito in un’ora, costa € 3,5 in più rispetto allo scontrino, ma può variare in base al peso e alla complessità dell’ordine. Per ora solo nove le città raggiunte, da Napoli a Roma, da Bergamo a Brescia, da Padova Treviso fino a Venezia, Verona, Vicenza. L’obiettivo è creare una rete capillare in tutt’Italia ma già entro fine febbraio l’intenzione di sbarcare 58 città.

Secondo una ricerca della Coldiretti è cresciuto del 18% in un anno la spesa acquistata via Internet dagli italiani: un giro d’affari pari a 132 milioni di euro. Il 29% sceglie il Web per confrontare prezzi e caratteristiche dei cibi. Un numero, nel complesso, non lontano dai 15 milioni di persone. In particolare sono oltre 5,7 milioni a fare ricerche regolarmente.

Vi consiglio di seguire il progetto molto innovativo sulla loro pagina Facebook

Annunci